Appuntamento con la storia

En esta foto estoy con tres personajes Polacos que luego de la guerra fueron funcionarios o periodistas en Polonia y yo estoy con ellos. Es una foto de diciembre de 1936
Virgilio Fernandez del Real  (in piedi a destra) – Dicembre 1936

Si, lo ammetto, a volte preferirei fare un film “normale”, con un ordine, un piano di lavoro chiaro, in tempi prevedibili. Ma forse sarebbe stato un’altra cosa, molto diversa da quella che stiamo facendo. Il nostro progetto ha ben poco di pianificato. Se la parola non fosse troppo usata, direi che è piuttosto un’urgenza. Se dovessi dirlo in altre parole, direi che è come seguire una concatenazione di eventi che in qualche modo senti che ti riguardano, un filo di ricordi che non vuoi che si perdano, una voce di qualcosa che dovrebbe essere svanita ed, invece, ti appare viva, chiara, ancora potente. Quand’ecco, qualche giorno fa questa voce, questa sorta di “spirito della guerra di Spagna” si è manifestata in poche righe di un post di una compagna spagnola che dicevano: We just heard that THE LAST living Mexican brigader, Virgilio Fernandez del Real, will be in Madrid in the next few days. I cannot quite believe this is happening. He is 98 years old and flying from Mexico! 

Virgilio Fernandez del Real è l’ultimo combattente delle Brigate Internazionali ancora in vita insieme a Joseph Almudever. Quando abbiamo pianificato le nostre riprese avevamo dovuto rinunciare ad incontrarlo in quanto viveva in Messico e per noi non era fattibile  girare in Messico. Ma oggi, a 98 anni, Virgilio è voluto tornare ancora una volta nel suo paese, la Spagna. Questa è diventata un’occasione che non potevamo lasciarci sfuggire. Tra qualche giorno lo raggiungeremo a Madrid per farci raccontare i suoi ricordi della guerra di Spagna. Quando la guerra iniziò Virgilio aveva 17 anni e stava ancora studiando. Si incorporò come volontario nel servizio di sanità e combatté tutta la guerra fino alla fine nelle fila del battaglione Dombrowski, nella XIII brigata internazionale, combattendo a Madrid, Guadalajara, Belchite fino all’Ebro, fino alla sconfitta della Repubblica e all’esilio in Messico.

Non sappiamo ancora come questo nostro viaggio cambierà il nostro film ma sappiamo che dobbiamo ascoltare i suoi ricordi della guerra di Spagna. Perché è una storia che ci riguarda, ci appartiene.