Geoffrey

Geoffrey Servante Morrison
Geoffrey Servante Morrison

Quasi certamente ognuno di voi avrà un’idea piuttosto precisa su come potesse essere un volontario che a metà degli anni ’30 lasciasse casa, amici, amori, lavoro e andasse a combattere per la repubblica spagnola contro i fascisti e nazisti. Avrete visto qualche film (a cominciare da quello più famoso, Terra e libertà), probabilmente avrete letto qualche libro: Omaggio alla Catalogna di Orwell o Per chi suona la campana di Hemingway e forse visto le foto di Robert Capa e Gerda Taro. E quando vedrete il nostro film ritroverete molte delle vostre idee incarnate negli ultimi protagonisti che abbiamo intervistato. Ma dovete sapere che la guerra di Spagna fu anche molto altro. E se avete letto alcuni di racconti di Hemingway forse già lo sospettate. Lui con Martha Gellhorn all’hotel Florida sotto le bombe, sempre lui a discutere di cocktail con il barman Perico Chicote con il fronte che scorreva al termine della strada. Ma forse ricordate anche un breve passaggio di Casablanca quando Victor Laszlo, il nuovo compagno di Ilsa, ricorda a Rick Blaine (Humphrey Bogart) di aver aiutato la Spagna repubblicana prima di rifugiarsi nel suo esilio dorato in Marocco. Ebbene si, intorno alla Spagna repubblicana c’era anche un alone di avventura e di idealismo che seduceva uomini e donne in cerca di una causa a cui dedicare la vita o almeno una storia da raccontare al proprio ritorno. Di loro si parla solo nei romanzi e nei film perché forse a loro ritorno dalla guerra non sono stati bravi a scrivere le proprie memorie, troppo presi a rincorrere i propri guai e a vivere la loro vita, nessuno li ha cercati e sono presto stati dimenticati.

Ma questi (anti-)eroi non sono tutti morti, Geoffrey è uno di loro (e lui lo sa) e per noi è stato un grande piacere ascoltare la sua storia e saremo felici di raccontarvela nel nostro film. Non possiamo dirvi troppo, vi anticipiamo solo un dettaglio, tutto ebbe inizio una notte di primavera del 1937 in un pub di Soho quando Geoffrey aveva appena compiuto 18 anni… e l’abbiamo scoperta nelle campagne inglesi del Gloucesteshire in una una fredda giornata d’inverno di appena ottantun anni dopo…

20180211_083745

Appuntamento con la storia

En esta foto estoy con tres personajes Polacos que luego de la guerra fueron funcionarios o periodistas en Polonia y yo estoy con ellos. Es una foto de diciembre de 1936
Virgilio Fernandez del Real  (in piedi a destra) – Dicembre 1936

Si, lo ammetto, a volte preferirei fare un film “normale”, con un ordine, un piano di lavoro chiaro, in tempi prevedibili. Ma forse sarebbe stato un’altra cosa, molto diversa da quella che stiamo facendo. Il nostro progetto ha ben poco di pianificato. Se la parola non fosse troppo usata, direi che è piuttosto un’urgenza. Se dovessi dirlo in altre parole, direi che è come seguire una concatenazione di eventi che in qualche modo senti che ti riguardano, un filo di ricordi che non vuoi che si perdano, una voce di qualcosa che dovrebbe essere svanita ed, invece, ti appare viva, chiara, ancora potente. Quand’ecco, qualche giorno fa questa voce, questa sorta di “spirito della guerra di Spagna” si è manifestata in poche righe di un post di una compagna spagnola che dicevano: We just heard that THE LAST living Mexican brigader, Virgilio Fernandez del Real, will be in Madrid in the next few days. I cannot quite believe this is happening. He is 98 years old and flying from Mexico! 

Virgilio Fernandez del Real è l’ultimo combattente delle Brigate Internazionali ancora in vita insieme a Joseph Almudever. Quando abbiamo pianificato le nostre riprese avevamo dovuto rinunciare ad incontrarlo in quanto viveva in Messico e per noi non era fattibile  girare in Messico. Ma oggi, a 98 anni, Virgilio è voluto tornare ancora una volta nel suo paese, la Spagna. Questa è diventata un’occasione che non potevamo lasciarci sfuggire. Tra qualche giorno lo raggiungeremo a Madrid per farci raccontare i suoi ricordi della guerra di Spagna. Quando la guerra iniziò Virgilio aveva 17 anni e stava ancora studiando. Si incorporò come volontario nel servizio di sanità e combatté tutta la guerra fino alla fine nelle fila del battaglione Dombrowski, nella XIII brigata internazionale, combattendo a Madrid, Guadalajara, Belchite fino all’Ebro, fino alla sconfitta della Repubblica e all’esilio in Messico.

Non sappiamo ancora come questo nostro viaggio cambierà il nostro film ma sappiamo che dobbiamo ascoltare i suoi ricordi della guerra di Spagna. Perché è una storia che ci riguarda, ci appartiene.

 

 

International teaser

We present the international teaser of the documentary “The first shall be the last”. It has subtitles in english, french and spanish