Scegliersi la parte

 

Immagine aurelio t.jpg
Il Sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, e il presidente dell’AICVAS, Italo Poma, sorreggono la bandiera militare della Seconda Repubblica Spagnola alle spalle di Aurelio Grossi

Il 21 dicembre 2016 alle ore 10 il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ha conferito la medaglia della città ad Aurelio Grossi, ultimo combattente volontario italiano repubblicano della guerra civile spagnola. Leggendo la notizia delle righe precedenti si potrebbe essere indotti a pensare ad un gesto lieve di cortesia verso una persona molto vecchia a cui nella vita è capitato di stare dalla parte giusta e che si colga l’occasione del suo essere l’ultimo di una schiera per confermare un giudizio storico già accertato. Ma nulla potrebbe essere più lontano dal vero di questa idea: Aurelio Grossi è il primo combattente volontario italiano a cui, a memoria d’uomo, sia mai stata conferita un’onorificenza dallo stato italiano. Uno stato che, a dire il vero, non è avaro nel distribuire la sue medaglie ma che mai ha pensato di riservarne una per un suo cittadino che scelse di andare a difendere la democrazia spagnola dall’attacco del fascismo. E il motivo appare molto semplice: in quell’avventura i soldati italiano furono spediti a sorreggere il golpista Franco contro le legittime aspirazioni democratiche del popolo spagnolo. L’Italia di Mussolini mandò circa 50 mila soldati, tutti formalmente volontari, e oltre 750 aerei che sperimentarono per la prima volta in Europa i bombardamenti sui civili. Il notevole supporto italiano fu probabilmente determinante per l’affermazione del retrivo e crudele regime di Franco e per gli indiscriminati bombardamenti l’Italia è stata recentemente chiamata a rispondere. Non è questa la sede per un approfondito esame del ruolo politico e militare dell’Italia nella vicenda spagnola ma è certo che quell’azione è parte integrante della strategia mussoliniana che in alleanza con Hitler portò il nostro paese a schierarsi contro la democrazia e la libertà. Ma il ruolo del nostro popolo è stato parzialmente riscattato da 5 mila concittadini che rinunciando, spinti solo dai loro ideali politici, si recarono volontariamente in Spagna per difendere la democrazia. A questi 5 mila connazionali lo stato italiano non ha mai concesso onori e riconoscimenti poiché avrebbe significato onorare chi aveva sparato sul  regolare esercito italiano. Eppure questa barriere non sarebbe dovuta essere insormontabile. Allo stesso modo in cui si è riconosciuto che i partigiani che pure impugnarono le armi contro le truppe al servizio della RSI furono precursori dell’Italia democratica si sarebbe dovuto riconoscere che anche i combattenti repubblicani della guerra di Spagna lo furono. Con un certo velo di ipocrisia gli statunitensi chiamarono i combattenti volontari della Spagna come “antifascisti prematuri”, in realtà le borghesie occidentali furono miopi e tentennanti contro i pericoli fascisti e nazisti che avrebbero voluto strumentalizzare contro il rischio bolscevico e che, invece, gli si ritorsero contro.

A tutt’oggi esiste un deficit di elaborazione, almeno a livello delle burocrazie dello stato, che ha impedito di schierare le istituzioni su una posizione di saggio ravvedimento. Per questo è importante il gesto del sindaco de Magistris. Non solo perché onora un uomo che a 17 anni scelse di lasciare la vita tranquilla e agiata per andare a combattere con l’Esercito Popolare della Seconda Repubblica. Un ragazzo che anche dopo aver perso un occhio nella battaglia di Teruel ritornò a combattere fino alla fine della guerra. Un ragazzo che dopo essere stato rinchiuso nei campi di concentramento francesi venne consegnato dalla Francia sconfitta all’Italia e qui posto al confino per punirlo della sua colpa. Il gesto del sindaco di Napoli è importante perché afferma un principio importante: che l’Italia democratica si è cominciata a costruire durante la guerra di Spagna. Oggi Aurelio Grossi ha 97 anni ed è l’ultimo italiano vivente che ha combattuto in Spagna dalla parte della Repubblica. Quando noi abbiamo inviato la nostra segnalazione al Presidente della Repubblica italiana questi ha rinviato la decisione agli uffici militari che non sono riusciti ad avere il coraggio di compiere questo gesto e forse non era neppure nelle loro possibilità di compierlo. Questo è un gesto politico che il Presidente della Repubblica deve compiere nella sua autonomia politica insieme al ministro della Difesa. Aurelio non ha più alcune ambizione e non aspetta nulla da nessuno ma il suo restare ancora in vita è un’opportunità che egli concede alle istituzioni di questo paese di compiere un gesto di consapevolezza e di maturità. Dopo, tra dieci, venti, cinquant’anni, convegni e medaglie avranno un sapore di archivio, di polvere, di ipocrisia. Oggi c’è ancora spazio per un gesto di coraggio. Quello che Aurelio ha ampiamente dimostrato da quando aveva 17 anni e che lo stato italiano non ha ancora riconosciuto